Versione mobile
facebook
Slow Food
Città Slow
Strada dei Vini
Photo Gallery
Video Gallery
Virtual Tour
Itinerari turistici
Itinerari Religiosi
Itinerario Francescano
immagine Itinerario Francescano
Clicca per ingrandire
San Francesco, nel corso dei suoi continui pellegrinaggi in terra d'Umbria, visità anche Amelia, e alcune località dei dintorni lasciando tracce della sua presenza vivificatrice e del suo operato.
Ad Amelia fu edificata la Chiesa di S.Francesco (1287) cui nel XIV sec. fu annesso il Convento dei frati Minori. All'interno notevoli, nella Cappella di Sant'Antonio, sulla destra, i monumenti funebri della famiglia Geraldini, in particolare quelli di Matteo ed Elisabetta, opera di Agostino di Duccio (1477). Uscendo dalla chiesa si può accedere, a destra, attraverso un bel portale rinascimentale all' Ex Collegio Boccarini, oggi sede del Museo Civico Archeologico e Pinacoteca "E.Rosa" che ospita la nota statua del Germanico.
www.sistemamuseo.it

Chiesa di Santa Maria delle Cinque Fonti
La Chiesa della Madonna delle
Cinque Fonti, che risale al sec.XV, con successivi rimaneggiamenti, deve il suo onme alla presenza, nelle immediate vicinanze, di cinque arconi medievali contenenti cinque fonti,purtroppo oggi inglobati da sovrastrutture moderne. La tradizione vuole che la Chiesa sia stata eretta in memoria di una conversione operata dal San Francesco in questo luogo nel 1213.
L’esterno dell’edificio, alquanto semplice, presenta una facciata caratterizzata da due finestre dette del “viandante”: esse permettevano di seguire la messa anche dall’esterno. All’interno vi sono delle pregevoli pitture a fresco; sull'altar maggiore Maria SS.con bambino, ai lati i “Santi Rocco, Cristoforo e Sebastiano”, senza dubbio l’opera più antica.

Convento della SS.Annunziata

Il Convento della SS.Annunziata immerso nel verde di una lecceta a pochi chilometri da Amelia è il più noto ed antico Convento francescano dell'amerino.Il primo nucleo abitato era di eremiti; la chiesa, cui si accede da un bel cortile, presenta all'interno un’Annunciazione dipinta dal Bruschi.
In origine nella chiesa si conservava la famosa “Annunciazione Gardner” dipinta nel 1481da Pier Matteo d’Amelia ed oggi esposta nel Museo Gardner di Boston. Con ingresso dal cortile antistante la chiesa è visitabile il magnifico presepio permanente realizzato interamente in gesso dal presepista spagnolo Juan Marì Oliva coadiuvato da Carlo Chippafreddo di Amelia.

Convento di S.Giacomo dei Cappuccini

L’edificio, a pochi chilometri dal centro è posto in una ammirevole posizione panoramica immersa nel silenzioso verde di un bosco; già ospizio per i pellegrini e gli ammalati (1156), poi dimora delle “Monache di San Magno”, nel sec. XVI (1550?), il complesso,noto come “San Giacomo de Redere”, passò ai frati Minori Cappuccini.Recentemente ampliato e ristrutturato, può ospitare pellegrini e turisti desiderosi di ritemprare lo spirito.
Nella chiesa si possono ammirare: una bella tela attribuita al Piazza, raffigurante “La Madonna con Santi”; un notevole “Crocifisso ligneo” posto nel coro; un pregiato quadro de “L’Ultima cena” collocato nel refettorio. Al centro del chiostro è stata recentemente collocata una moderna statua di San Francesco di Assisi, opera dello sculture Aurelio De Felice.
(fonte: www.sanfracescoassisi.org)

 
Itinerario Mariano
immagine Itinerario Mariano
Clicca per ingrandire

Itinerario Mariano

Ad Amelia e nel suo territorio il culto mariano ha da sempre costituito un saldo punto di riferimento nella maturazione spirituale dei fedeli, la stessa città è consacrata alla Madonna; tante le chiese, le immagini, le edicole Mariane.
Sulla stessa porta principale di accesso alla città, porta Romana, nel 1703 fu posta una iscrizione con la quale la città di Amelia rendeva grazie alla Vergine Maria per averla salvata da un terribile terremoto che nel 1703 sconvolse l’Italia Centrale. Sopra la scritta è altresì presente un’immagine dell’Assunta attribuita a Mario di Amelia (sec. XV).
Nel centro storico si trovano molte Chiese dedicate al culto mariano, come:

La Chiesa di Santa Maria dei Laici o chiesa dell´Ospedaletto, dove nel secolo XIII venne fatto erigere dall´0monima confraternita un piccolo ospedale a sollievo dei poveri e dei pellegrini. La piccola chiesa conserva un immagine della Madonna con il Bambino, molto venerata nel secolo scorso, attribuita a Taddeo Zuccari.
Al piano superiore c´è un importante affresco (sec. XVI) attribuito alla Scuola Senese raffigurante S. Maria dei Laici il quale rappresenta Maria che copre con il suo mantello tutti coloro che si affidano a lei.

La Chiesa della Madonnina ( o Santa Maria di Porta) nella quale si venera un´immagine particolare di Maria: la Madonna è infatti rappresentata nell´atteggiamento di dare il latte al Bambino Gesù; è infatti conosciuta come Madonna del Latte. Si tratta di un affresco del XV sec. asportato da un arco di un vicolo della città.

La Chiesa della Madonna della Visitazione della Confraternita di San Girolamo in Posterola. La chiesa conserva un affresco prima collocato sopra una della porte della città. L´immagine era molto venerata poiché la Vergine concedeva favori e grazie tanto che i papi Paolo III (1548) e Innocenzo X (1646) concessero molte indulgenze ai fedeli che avessero pregato dinanzi ad essa.

La Cattedrale di Santa Maria Assunta costruita nel punto più alto della città, dove presso l’altare maggiore è custodita la piccola tavola dipinta dell’Assunta, preziosa opera trecentesca attribuita a lungo al pittore senese Duccio di Boninsegna e successivamente ad un anonimo pittore locale. L’immagine per un’antica tradizione viene esposta alla venerazione dei fedeli nei mesi di maggio ed agosto con una solenne processione il giorno 15.

Il Santuario della Madonna delle Grazie nella frazione di Foce si trova il bel santuario della Madonna delle Grazie (sec XVII). Esso conserva un’immagine della Madonna tutt’oggi molto venerata (sec. XV) che un tempo si trovava in una edicola costruita ai piedi del colle, presso il torrente Beccio. Il 13 maggio 1629 la Sacra Immagine fu solennemente e miracolosamente, traslata in paese dove venne costruito l’attuale Santuario e dove il 13 giugno 1859 fu incoronata su nulla osta del papa Pio IX a testimonianza dei tanti fatti prodigiosi avvenuti per intercessione di Maria.

Fonte: Amelia Città di Maria - Sandro Bigi anno 2002

 
PRESEPI di Amelia e del territorio Amerino.
immagine PRESEPI di Amelia e del territorio Amerino.
Clicca per ingrandire

Presepe artististico permanente. Cattedrale.

Aperto tutto l’anno dalle ore 10,00 alle ore 12,00e dalle 16,00 alle ore 18,30.

Interessante riproduzione degli ambienti della Palestina dell’epoca, il Presepe è stato realizzato dal Dott. Chiappafreddo Carlo ( 1914-1967) e si trova all’interno della Cattedrale. La veduta centrale del presepe è inserita in una grande grotta incorniciata da stalattiti e una particolare apertura tra le rocce da cui si il cielo. A destra si trova la Grotta della Natività con le Città di Gerusalemme, Nazareth e il lago di Tiberiade: Attraverso delle variazioni luminose si pssa dall’aurora al pieno giorno e dal tramonto alla notte fonda. Info 3394576033.


Presepe artistico permanente Convento SS:Annunziata Loc Montenero ( Amelia)

Aperto tutto l’anno dalle ore 9,00 alle ore 19,00.

Opera dell’artista spagnolo Juan Maria Oliva, il Presepe si compone di suggestive scene e diorami ispirati alla natività. La scena è formata da una grande apertura centrale e da due laterali; a sinistra si trova la Santa Grotta, fiancheggiata da un grande albero di leccio al naturale, che inquadra preziosamente tutta la costruzione; al centro una cascata d’acqua a cinque salti è come un invito verso il panorama palestinese , dove sonodove sono riprodotti il Lago di Gerico,il fiume Giordano, Gerico, Cana di Galilea e Gerusalemme; a destra infine, un edificio e un vicole di Betlemme. Un gioco di luci ci fa passare dal giorno alla profonda notte stellata, sul cielo notturno, la luna, la traiettoria della comete ed il lento passaggio dell’Angelo attirano l’attenzione dei visitatori.

Nela sala adiacente mediante numerosi diorami è rappresentata la vita di Gesù, dall’Annunciazione fino alla deposizione nel Santo Sepolcro.

All’interno del Convento si può anche visitare il planetario sotto la cui ampia cupola si può ammirare la volta celeste con le costellazioni più note dell’emisfero boreale e di quello australe.

Info Tel.0744970010

News
11 Dicembre 2017
In allegato il programma delle manifestazioni del Natale 2017.
03 Dicembre 2017
La prossima iniziativa per i bambini saraà il laboratorio "il mosaico di un'antica domus[...]
16 Dicembre 2017
 SABATO 16 ore 20,30 : AN DEN TEUFEL» CONCERTO DEL DUO BRANDT-SANTINI.[...]
09 Dicembre 2017
Dal 9 dicembre, fino al 7 gennaio ad Amelia, sarà possibile visitare tutti i sabati e[...]
Eventi e manifestazioni
IL TEATRO SOCIALE DI AMELIA
dal 01/01 al 31/12
Ospitalità in evidenza