facebook
Slow Food
Città Slow
Strada dei Vini
Photo Gallery
Video Gallery
Virtual Tour
News
08 Marzo 2014
Lo sguardo delle donne. Passato e presente, giovani donne oggi e negli anni della protesta .. storie del nostro ieri, attuali come non mai.
immagine Lo sguardo delle donne. Passato e presente, giovani donne oggi e negli anni della protesta .. storie del nostro ieri, attuali come non mai.
Clicca per ingrandire
La giornata internazionale della donna (comunemente definita in modo improprio festa della donna) ricorre l'8 marzo di ogni anno per ricordare sia le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne, sia le discriminazioni e le violenze cui esse sono ancora fatte oggetto in molte parti del mondo. Questa celebrazione si è tenuta per la prima volta negli Stati Uniti nel 1909, in alcuni paesi europei nel 1911 e in Italia nel 1922.

Per celebrare questa Giornata l’ass. cult. Oltre il Visibile organizza ad Amelia (TR) c/o la Sala comunale Flavio Boccarini (P.zza Augusto Vera, 10) la Rassegna cinematografica Lo sguardo delle donne. Passato e presente, giovani donne oggi e negli anni della protesta .. storie del nostro ieri, attuali come non mai.

Venerdì 7 marzo - ore 18.00 - In collaborazione con Associazione MappaMondo Onlus: Sguardi del cinema sui legami affettivi.

Conduce l’incontro: Francesca Fanelli “Verso un cambiamento nelle relazioni affettive e di intimità”. Dal libro: La violenza sulle donne. Riconoscerla, contrastarla e prevenirla (Morlacchi 2013).

L’industria cinematografica lancia icone maschili e femminili che, entrando a far parte dell’immaginario collettivo, influenzano modi di essere, pensare e fare delle persone.

Sguardi del cinema sui legami affettivi è un laboratorio sulla narrazione. I racconti prendono spunto dalla visione di 8 brevi sequenze di film (durata complessiva 22 minuti) selezionate in base al contenuto della conversazione.

Il modulo formativo permette di sviluppare la creatività sia del/la formatrice/ore che dei/le partecipanti: alla visione del video proposto è possibile inserire, sia prima che dopo, diversificate attività come la costruzione di brevi sceneggiature, di flip-book, giochi di gruppo su sentimenti, emozioni e sessualità, la conduzione di un cineforum.
Francesca Fanelli è Dott.ssa in Sociologia, Specialista in Metodi e Tecniche della Ricerca Sociale. È socia fondatrice di MappaMondo Onlus, associazione impegnata nella promozione della convivenza interculturale nel territorio. Dal 2011 concentra l'attenzione sul tema delle relazioni tra i sessi, in particolare in quelle affettive e intime all'interno della famiglia.
A seguire: Cine Cena vegetariana (offerta libera).

Ore 21.00 proiezione de Ultimo tango a Parigi, un film di Bernardo Bertolucci (con Marlon Brando, Maria Schneider, Maria Michi, Giovanna Galletti, Gitt Magrini - Italia 1972).

Un uomo, rimasto vedovo della moglie suicida, si aggira per Parigi in preda a una irrefrenabile malinconia, dovuta, oltre che alla perdita della sua compagna, a un passato confuso e alla perdita della giovinezza. L'incontro con una giovanissima ragazza borghese e il loro fulmineo rapporto sessuale cambierà la vita di entrambi. Ma l'uomo sembra imprigionato in una sorta di ossessione erotica, che solo in un primo tempo è condivisa dalla giovane. Quando scemerà l'interesse della ragazza per quel rapporto senza futuro, questa ucciderà il suo amante.
Trasformeremo il caso in destino - Jeanne (Maria Schneider)

Sabato 8 marzo si parte alle ore 17.30 proiezione de La collina dei papaveri, un film di Goro Miyazaki (Giappone 2011).

Questo secondo lungometraggio di Goro Miyazaki è un film sull'amore inteso come dedizione. Ed è un film sulla contestazione giovanile, come lo sono tanti recenti film europei sul '68, ma conserva un'anima romantica e persino un abito quasi melodrammatico perché è proprio di questo che tratta: di un nuovo inizio che però non vuole dimenticare la tradizione.

Ambientato nel secondo dopo-guerra, con tutto quello che ha significato per il Giappone, e concepito nel dopo tsunami, è un racconto che invita ad arrotolarsi le maniche per far posto ad un nuovo sentire, senza perdere la nostalgia.

Un film, per giovani di ieri e di oggi, sull'importanza di avanzare senza radere al suolo il passato. Come si può pensare di costruire un futuro se si dimentica il proprio passato?

A seguire ore 21.00: Vogliamo anche le rose, un film di Alina Marazzi (Italia, Svizzera 2007).

Un documentario che racconta il profondo cambiamento avvenuto nel costume in Italia tra gli anni Sessanta e Settanta grazie alla liberazione sessuale e al movimento femminista.

Vengono riproposte le più importanti tappe di questo percorso filtrandole attraverso lo sguardo femminile di una regista poco più che quarantenne.

Dichiara la regista: "Ho voluto ripercorrere la storia delle donne tra la metà degli anni Sessanta e la fine degli anni Settanta per metterla in relazione, a partire dal 'caso italiano', con il nostro presente globale, conflittuale e contraddittorio. Con l'intenzione di offrire uno spunto di riflessione su temi ancora oggi parzialmente irrisolti o oppure addirittura platealmente rimessi in discussione".

Insomma, rivoluzione sessuale e femminismo negli Anni Sessanta e Settanta in un'Italia che avrebbe visto mutare il ruolo della donna.
Per gli eventi cinematografici: entrata con tessera 2014 e sottoscrizione -

www.oltreilvisibile.it - Pagina FB Oltre il Visibile




News
28 Novembre 2019
attraverso l'Archeologia
Il 30 novembre ed il 1 dicembre Amelia partecipa alla Maratona dell’olio 2019[...]
29 Ottobre 2019
I FRANTOI DELL'AMERINO
Frantoi Aperti fino a Natale su appuntamento per degustazioni e visita al frantoio
11 Ottobre 2019
Per tutti gli spettacoli:Sabato 26 ottobre 2019 – ore 18.00 TEATRO SOCIALE[...]
01 Ottobre 2019
Si comunicano i nuovi orari relativi al periodo Ottobre/31 Gennaio  del Museo[...]
Eventi e manifestazioni
MOSTRA MERCATO NAZIONALE DEL RADIOAMATORE, DELL'ELETTRONICA, DELL'INFORMATICA, HOBBISTICA E MATERIALI DI CONSUMO
dal 25/05 al 26/05
Ospitalità in evidenza